dall'opera lirica alle operette
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Thais - J. Massenet

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Leonora
Web designer
avatar

Messaggi : 194
Data d'iscrizione : 15.01.11
Età : 23
Località : Milano

MessaggioTitolo: Thais - J. Massenet   Dom Gen 16, 2011 10:04 pm

Già da tempo Louis Gallet si dedicava alla trasformazione in libretto del romanzoThaïsdi Anatole France. Il soggetto piacque molto a Massenet, che fin dal 1892 iniziò il lavoro di composizione ed entro l’anno lo completò. Il ruolo della protagonista fu riservato alla grande interprete Sybil Sanderson, in esclusiva all’Opéra-Comique dal 1891. Ella, tuttavia, nei primi mesi del 1893, scaduto il vecchio contratto con Carvalho, ne firmò uno nuovo con Gailhard, direttore dell’Opéra. PertantoThaïs, costretta a seguire la Sanderson al Palais Garnier, dovette subire delle modifiche per adattarsi agli usi e costumi di un diverso teatro; la nuova versione fu pronta nell’ottobre 1893. Tuttavia la prova generale pubblica del 13 marzo 1894 non riscosse il consenso della stampa, e l’autore fu costretto ad apporre ulteriori varianti alla partitura per la prima rappresentazione del 16 marzo, che andò in scena con la coreografia di Joseph Hansen e diretta da Paul Vidal. L’opera ottenne un discreto successo da parte del pubblico e perfino Anatole France si congratulò con l’autore: «Caro Maestro, Lei ha innalzato al più alto livello consentito a un’eroina del melodramma la mia povera Thaïs. È la mia gloria più dolce. Sono in una vera estasi. “Assieds-toi près de nous”, l’aria a Eros, il duetto finale, tutto è di una bellezza grande e incantevole. Sono felice e fiero di averle fornito il soggetto su cui lei ha sviluppato le frasi più ispirate. Le stringo le mani con gioia. Anatole France».

Tuttavia non mancarono le solite critiche da parte dei giornali, tanto che Massenet, per le successive repliche, fu costretto a correggere alcune parti o addirittura sostituirle con balletti di repertorio. Il 13 aprile 1898Thaïsfu di nuovo messa in scena al Palais Garnier in una nuova versione (la seconda), ottenendo il favore del pubblico e della critica, che lodò le nuove pagine pur rilevandone talune ascendenze wagneriane e precisando che l’opera restava comunque «boûteuse» (De Curzon). Altre rappresentazioni memorabili vi furono nel 1903 al Teatro Lirico di Milano, con l’eccellente interpretazione di Lina Cavalieri, bravissima cantante e donna di grande fascino, e nel 1908 al Manhattan Opera House di New York (con Mary Garden come Thaïs).

Il libretto di Louis Gallet è tratto dal romanzo di Anatole France, apparso prima sulla ‘Revue des Deux Mondes’ col nome del protagonista maschilePaphnucenell’estate del 1889 e poi pubblicato, nel ’90, dall’editore Calmann-Lévy comeThaïs. Il noto scrittore riprende il nome di una cortigiana greca, divenuta leggendaria per la sua bellezza e la sua sfrontata dissolutezza, valendosi come fonti delleVite dei santi Padri del deserto, di un volume sugliScettici grecidell’ellenista Brochard, di un dramma latino della monaca medievale Rosvita, ma soprattutto dellaTentation de Saint-Antoinedi Flaubert. Egli narra la storia dell’eremita Pafnuzio, che si reca in un’Alessandria grecizzante (IV sec. d.C.) per convertire la celebre cortigiana Taide e riesce nel suo intento, ma ci rimette egli stesso la salute dell’anima. France ricostruisce con efficacia, ma senza ombra di pedanteria erudita, l’atmosfera intellettuale e morale di quella civiltà greca già decadente, reintroducendo nella narrativa, sulle orme di Voltaire e degli altri illuministi a lui cari, il dialogo filosofico. Il testo ripercorre la perenne dialettica peccato-redenzione, carne-spirito, materialismo-misticismo, cara alla letteratura, al teatro, alla musica francese, grazie a figure quali Verlaine e Flaubert, Gustave Moreau e Massenet stesso. Va da sé che il libretto di Gallet non presenta lo stile, l’ironia e il filosofeggiare del testo originale, ma, rimanendo fedele alla trama, conserva certe atmosfere di raffinato esotismo, l’eleganza Parnasse, lo psicologismo, la sensualità. Inoltre denota una buona sceneggiatura e una prosa ritmata opoésie mélique, estremamente adatta a essere convertita in suono, a esaltare le potenzialità dialogiche, conversative e comunicative del linguaggio vocale di Massenet.

Il cenobita Athanaël vuole redimere la cortigiana Thaïs, che corrompe con la lussuria gli alessandrini e li spinge al culto di Afrodite. Per questo motivo lascia la Tebaide alla volta di Alessandria, dove viene ospitato dall’amico Nicias, al momento amante di Thaïs. Durante un banchetto organizzato in onore della cortigiana, l’asceta ammonisce costei a mutar vita e costumi ed ella, ancora noncurante, si esibisce nella pantomima degli amori di Afrodite. Tuttavia, successivamente, desiderosa di riscattare la propria esistenza dedita al peccato, si converte e cerca rifugio in un cenobio nel deserto. In quel luogo di preghiere e di meditazioni trova la sperata serenità interiore, mentre Athanaël, compiuta la sua missione di salvezza e tornato alla Tebaide, confessa di aver perduto la pace dello spirito. È subentrato in lui, contemporaneamente all’orgoglio di aver convertito la famosa peccatrice, il desiderio di una conquista del tutto terrena. Tormentato dal ricordo della sua bellezza, dopo averla sognata morente si precipita al monastero. Ella, stremata da tre mesi di penitenza, è ormai santa e distaccata dalle cose del mondo, non ode più le parole d’amore di Athanaël, ma muore dolcemente tra le sue braccia assorta in una celeste visione.

Massenet riesce mirabilmente a cogliere le caratteristiche peculiari della fonte letteraria, esibendo uno stile prezioso, raffinato, levigato, che certamente richiama gli incanti del Parnasse, da Théodore de Banville a Lecomte, allo stesso France. L’esotico diThaïsè diverso da quello diHérodiade, delRoi de Lahoree diLe mage, è proprio di un Egitto alessandrino, guardato dalla cultura francese di fine secolo, misterioso e languido, ma anche sobrio e stilizzato. L’opera, oltre ad aver subito molte modifiche, conta due versioni fondamentali: l’una del 1894, l’altra del ’98. La prima presenta questa struttura: atto primo: La Thébaïde; atto secondo: quadro primo, Aléxandrie; Interlude (‘Symphonie des amours d’Aphrodite’); quadro secondo, Chez Thaïs; Interlude (Méditation); quadro terzo, Devant la maison de Thaïs; atto terzo: quadro primo, La Thébaïde; quadro secondo, La tentation (ballet); Interlude (Symphonie ‘La course dans la nuit’); quadro terzo, La mort de Thaïs. Alla ripresa dell’opera, il 13 aprile 1898, l’indice era così mutato: atto primo: quadro primo, La Thébaïde; quadro secondo, La terrasse de la maison de Nicias à Aléxandrie; atto secondo: quadro primo, Chez Thaïs; Interlude (La méditation): quadro secondo, Une place devant la maison de Thaïs, divertissement; atto terzo: quadro primo, L’oasis; quadro secondo, La Thébaïde; Interlude (‘La course dans la nuit’); quadro terzo, La mort de Thaïs. La seconda versione si presenta, dal punto di vista formale, meno trasgressiva, più convenzionale ed equilibrata. «Al confronto con lavori di poco precedenti qualiEsclarmondeoLe mage, si nota come la musica diThaïsacceda a una semplificazione, a una rarefazione sonora, a un alleggerimento della scrittura, a un allungarsi insolito delle frasi, a una ricerca del silenzio, della sospensione armonica, della stasi melodica, che volgono all’enigma. Fauré e Debussy non sono lontani. L’alone interrogativo, le screziature arcane diThaïs, ne giustificano (...) anche l’inserimento nel gruppo di opere ‘magiche’ e simbolistiche di Massenet. La magia, il simbolo (...) corrono dentro molti passi diThaïs, dalle visioni di Athanaël alla vestizione, dalla scena della Charmeuse alla Tentation» (Modugno).

L’opera si apre con il quadro della Thébaïde: unandante très calmein 6/8 dal movimento ondulante, maggiormente accentuato dalle indicazioni dinamiche, suggerisce un’atmosfera di tranquillità austera. Palémon, un vecchio cenobita, dopo aver intonato una semplice preghiera, comunica il sogno premonitore dell’arrivo di Athanaël. L’attesa dell’asceta è accompagnata da una misteriosa angoscia e tensione e, quando egli giunge, il tema che lo caratterizza, aspro e tormentato, ci comunica immediatamente lo stato d’animo del protagonista, turbato e desideroso di redenzione. Palémon lo invita alla saggezza e alla preghiera. Durante il sonno Athanaël ha la sua prima visione: una musica voluttuosa e ammaliatrice, accompagnata dal suono dell’arpa, suggerisce effetti timbrici e colori che saranno di Debussy e prepara l’apparizione di Thaïs, che mima gli amori di Afrodite in un teatro colmo di folla urlante. Athanaël si desta spaventato e sconvolto e comprende, risoluto, la missione che deve affrontare. Salutati i cenobiti e Palémon, parte per Alessandria. L’intero quadro presenta, sia per la struttura sia per la musica, delle evidenti analogie con un’altra scena monastica: la cella di Pimen al Monastero del Miracolo inBoris Godunov. Entrambe le scene comprendono la presenza di un monaco anziano ammonitore e di uno giovane ardente e ambizioso, la visione tentatrice dei sonni del monaco cadetto, diretta o narrata e la partenza finale di Grigori per la Polonia, di Athanaël per Aléxandrie. L’Allegro maestoso a piena orchestra che apre il secondo quadro ci introduce in un ambiente completamente diverso dal primo, ricco di colori e di sapori marini. Lo splendore della città di Alessandria si offre all’asceta che sembra respingerla, intonando l’aria “Voilà donc la terrible cité”; ma la passione, l’ampio respiro, il grande coinvolgimento, insiti nel canto e nell’orchestra, palesano immediatamente il conflitto interiore dell’animo del protagonista, combattuto da due opposti sentimenti: terrorizzato, ma al tempo stesso affascinato dalla bellezza del mondo che lo circonda e che lo tenta. La richiesta “Anges du ciel souffles de Dieu” è più un’invocazione di aiuto per sé, che per la metropoli corrotta. L’entrata di Thaïs, vivace e frivola, svanisce immediatamente nell’Andante lento, soffuso di malinconia “C’est Thaïs, l’idole fragile”, in cui la melodia asseconda gli echi e le vibrazioni della parola, realizzando quella ispirata simbiosi di sillabe e di suoni, tipica delle arie più ispirate diManon, qualità peculiare dello stile di Massenet. Dopo un breve dialogo tra Thaïs e Athanaël, inizia il processo di seduzione della cortigiana nell’Allegretto “Qui te fait si sévère”, supportato e amplificato poi dall’intervento di Nicias e del coro, in un continuo crescendo che sfocia nella frase provocatoria del soprano “Ose venir, toi qui braves Vénus”, culminante nel do acuto. Nella versione del 1894 la sfida dell’etèra si collegava con la ‘Symphonie des amours d’Aphrodite’, eseguita a sipario chiuso. Come nota Patrick Gillis, il brano «lungo una decina di minuti (...) riprende da una parte, nel golfo mistico e non dietro le quinte, i temi della visione della prima Thébaïde sviluppandoli ulterioremente; dall’altra Massenet introduce qui un materiale tematico originale: una lunga frase appassionata la cui caduta prefigura chiaramente il disegno dell’orchestra alla fine dell’‘air du miroir’, nel quadro seguente; infine un episodio centrale in cui flauti e clarinetti sgranano in minore una melopea orientaleggiante a cinque tempi».

Il secondo atto inizia con l’Air du miroirdi Thaïs, “Dis-moi que je suis belle”. Strutturata nella forma classica tripartita, presenta tuttavia caratteristiche singolari: il movimento particolare della melodia, che sale impennandosi all’acuto per poi ricadere subito dopo, l’irregolarità delle frasi, i continui cambiamenti espressivi, i ricami vocali, ma soprattutto l’andamento della sezione centrale prima concitata, quando Thaïs dialoga con il nulla, poi statica e quasi sussurrata, nel momento in cui ella invoca Venere, su un accompagnamento quasi impercettibile di viole e violoncelli, appena fiorito dal flauto. Segue il duetto Thaïs-Athanaël “Allons, parle, à présent”, importante e risolutivo per la conversione della cortigiana, in cui il cenobita, anche se turbato e coinvolto emotivamente dalla bellezza femminile, mantiene un atteggiamento austero e, con impeto e veemenza, vince l’ironia di lei parlando d’amore e vita eterni. Il successivo Andante per violino con accompagnamento d’arpa (‘Méditation’), pagina di grande lirismo, descrive mirabilmente il miracolo spirituale, la trasfigurazione estatica di quella che fu la donna impura; e il tema che lo caratterizza tornerà nel resto dell’opera come emblema dell’acquisita salvezza della pentita. Una musica orientaleggiante apre il secondo quadro e fa da sfondo al nuovo duetto Thaïs-Athanaël “Père, Dieu m’a parlé par ta voix”. Thaïs, ormai redenta e pronta a partire, porge un canto d’addio alla statuetta d’Eros fanciullo “L’amour est une vertu rare”, subito interrotto dall’intervento impetuoso dell’asceta. L’arrivo di Nicias e della sua corte gaudente dà luogo aldivertissement. Articolato in sei numeri di carattere diverso, ora esotico, tratteggiato dal suono incantatore dell’oboe, ora brillante, mondano, fortemente scandito, ora elegante e grazioso, impreziosito dai virtuosismi del flauto, termina con l’apparizione della Charmeuse (un soprano leggero di coloratura), che «sviluppa le sue pose lente e formula i suoi passi leggeri, lanciando attraverso il canto delle due schiave [Crobyle e Myrtale] i raggi della sua voce».

Le due fanciulle, Crobyle e Myrtale, intonano un’ode morbida e sensuale dal sapore antico, in onore di Thaïs “Celle qui vient est plus belle”, in cui narrano della regina di Saba danzante sugli specchi, della sua pelle d’ambra pallida, del suo incedere lieve. Dopo ogni strofa la Chermeuse esegue dei vocalizzi arabescanti, intensificando ulteriormente l’atmosfera magica che caratterizza tutta l’intera scena. Il quadro dell’Oasis, che apre il terzo atto soltanto nella seconda versione diThaïs, introduce nel deserto aspro e terribile. Il suono dell’oboe su un accordo dissonante rivela la fatica del cammino nella sabbia arroventata, ma subito dopo il motivo dell’oasi porge un vago sentore di freschezza e di ombra. Dopo il canto di Thaïs “O messager de Dieu”, il duetto che segue Thaïs-Athanaël “Baigne d’eau mes mains et mes lèvres” sottolinea, per la prima volta nell’opera, l’intesa spirituale tra i due protagonisti, immersi in una breve estasi forse mistica o forse amorosa. Si ode in lontananza il Pater Noster, recitato da Albina e dalle monache; intanto il momento del commiato tra i due è percorso dal tema ‘della meditazione’, che si porge come un commento sonoro a un duplice, contrastante stato d’animo: la pace spirituale di Thaïs e l’angoscia tutta terrena di Athanaël, costretto a partire e a lasciare per sempre la donna che ama. Il quadro della seconda Thébaïde ripresenta il materiale musicale udito in apertura d’opera, ma la tranquillità di prima è adesso infranta da un presentimento di terrore. Athanaël è angosciato dal ricordo della donna e, tormentato dal pentimento, confessa a Palémon i suoi tormenti. Poi si addormenta e a questo punto, nella prima versione diThaïs, inizia la grande scena ‘della tentazione’. Il modello è certamente costituito dalle prime tre scene del quinto atto delFaustdi Gounod, ossia la notte di Valpurga sullo Harz. Vera e propria pantomima, con canti e danze, di cui si rintracciano i momenti principali chiaramente illustrati nella partitura autografa dell’opera: precise didascalie, infatti, legano profondamente musica, azione e coreografia. Fin dalle prime recite questa scena non accolse il favore del pubblico per la mescolanza di mitologia pagana e religione, e pertanto venne in seguito espunta. Segue una nuova apparizione di Thaïs che, come nel primo atto, canta il suo “Qui te fait si sévère”, lanciando poi la sfida provocante “Ose venir, toi qui braves Vénus”. Sempre durante il sonno, alcune voci avvertono Athanaël di Thaïs morente. La corsa disperata del cenobita verso il monastero ricorda quella di Charlotte verso la casa di Werther: il vento del nord e la neve vengono sostituiti dalsimoune dalla sabbia, ma identico è lo stato d’animo dei due personaggi. L’orchestra descrive mirabilmente, con ritmo impetuoso e incalzante, l’affanno del momento, finché il ritorno del tema della ‘Méditation’ ci trasferisce immediatamente in un’atmosfera diversa, di pace e tranquillità: il giardino del monastero di Albina. Mentre nella versione del 1894 la redenta appare coricata su un letto di porpora «sotto i raggi di un cielo d’oro, nella gloria di una luce di eterna beatitudine (...) attorno a lei si chinano figure serafiche, santi aureolati di luce sfolgorante, vestiti di stelle, tenendo nelle mani giunte gigli d’argento e palme verdi», in quella del 1898 Thaïs appare stesa immobile, all’ombra di un grande albero, nel giardino del monastero. L’ultimo duetto fra i protagonisti “C’est toi, mon père” si sviluppa sullo sfondo del motivo della ‘Méditation’. Thaïs, come il Jean delJongleur, è rapita da una dolce estasi e non ode più le disperate dichiarazioni d’amore di Athanaël; tutta l’esaltazione lirica dell’intera pagina termina con l’emissione di voce del soprano sul lungo ‘la’ acuto di «Dieu». Le ultime battute differiscono a seconda delle stesure: nella prima, dopo la morte della protagonista, «voci dall’alto» maledicevano l’ex asceta; nella seconda Athanaël cade in ginocchio gridando, in un doloroso re minore, «Morte! Pitié!».

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://rigoleoteam.weebly.com
 
Thais - J. Massenet
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La grande musica :: Musica :: Opere-
Andare verso: